Foto di poetella (poetella gioca…di brutto!)

 

 

Spricciami

col tuo fare euncondente

 

Spricciami e sbrillami, adesso

che lo sai, tu lo sai

Ah, come lo sai!

come ardeva la printa

al vorticante afflato

del randallo

 

Lo sai.

E allora, anche se ormai

sento catepullare le foglie

[del fiammeggiante corbexxolo]

in quest’atrodico morire

del giorno

 

ugualmente ti chiedo

ugualmente a te rivolgo

l’attondo sguardo

e chiamo e imploro

 

Argiti! Argiti e svellati/mi

 

Che io sono qui. arrante di te. Sempremente.

(da “ il piacevole odore della sorla” – di Poetella de Poetellis)

 

E moh…commentate, se ce riuscite!

 

 

Liszt – La Campanella