Foto di poetella

(foto di poetella)

 

Lasciami dire, adesso
e se non vuoi non ascoltare
nel chiuso della lontananza
che oscura le certezze
o le accende
[di’ tu]
o le riscrive in rosso
in verde smeraldo in giallo
nel chiuso delle tende di operoso
                               fare e fare e rifare che poi tace
 
lasciami dire e magari
ascolta il vento
                              la notte larga
                              la quiete dei silenzi dell’ora
 
vedi come tutta la polvere s’è posata
e riposa
vedi come tace il cielo
e si ninna nel riverbero
di quel guizzo di luce mezzaluna
appesa che sorride?
 
Vedi?
 
Lasciami dire, allora
che mi sfavilla in petto
questo segreto di pulcinella
e vuole uscire cantare strillare
ai prati che dormono ai palazzi alle strade
punteggiate di minuscoli occhi bianchi rossi
scorrevoli come gocce sui vetri
 
lasciami dire una volta una sola
davvero una sola e poi zitta
 
lasciami dire
lasciami
dire, dai, adesso, adesso dire
ti amo. Io. Sì.
(by poetella)