Foto di poetella

(foto di poetella)

 

E poi torniamocene a casa

che fa freddo

senza lasciare scarpette

di vetro

come se fosse niente

 

Niente tutta la luce, teniamocela

in petto

la luce, dietro gli occhi

la festa, bassi,

ché non si veda

Microesplosioni, pollini luminosi

 

Ché non posso, non posso proprio

e invece posso

legarmelo in cuore

questo Valhalla di ferite rimarginate

di banchetti e di canti

[Tutte le Valchirie scese da cavallo

e ballano un valzer

al suono di pianola]

Gira gira la manovella

Gira gira questo tempo

Gira e si chiude il cerchio. Attorno a te

 

 

Torniamocene a casa

zitta zitta

come dal mercato, le mani

le braccia colme di un tutto

che sembra un niente

 

Di un toccare le nuvole

e pasticciarcisi tutta

(by poetella)

 

 

 

Ascolta poetella

 

 

 

 

.

Annunci