Tag

,

 

 

(foto dal web, rielaborata)

Ci fu quella volta, poi.

Alzata prestissimo. Le cinque. O forse ancora no.

Preparativi in sordina, senza svegliare sua sorella. Aveva il compito di greco, quella mattina.

La valigia già pronta dalla sera prima.

Alle sette sarebbe venuto il papà della sua amica a prenderla. Suo padre, figurati!

Si partiva. Tre giorni a Siena, in quattordici. Siena. Siena. Siena.

E la libertà.

Due professori e dodici di loro. Affamati di risate e magari anche di bellezza. A diciassette anni, servono tutte e due.

Anche dopo, forse. Anzi, senza forse.

 

Si partiva per Siena. In gita. Che lei aveva dovuto combattere come una Walkiria per convincere suo padre, al solito. Mai andata in gita per tre giorni di fila. Ma ci andava Patrizia, la figlia del capufficio e allora, ok. ci vai pure tu.

Vinto.

Si partiva per Siena, in pullman.

Elettrizzati.

In attesa. Sei ragazze e sei ragazzi. Uno bellissimo. Quello bellissimo non mancava mai.

Magari era un po’ scioccarello, ma a lei non importava. Mica ci doveva parlare. Era di un’altra classe. S’era aggiunto per fare colore. Figlio d’arte, ovviamente. Di quelli Salutami papà!

 

Bastava guardarlo e si spalancava  la primavera anche a gennaio.

Bastava guardarlo e si chiudeva la gola come sott’acqua.

Bastava guardarlo. A diciassette anni. A lei.

E poi, Siena.

Il viaggio in pullman.

La musica, le canzoni, lei che tutti a dire Come canti! E non canti mai in classe! Ma che si canta, in classe? In gita, sì.

E poi Siena!

Siena che faceva un regalo.

La piazza del Duomo, col buio di gennaio, con la cromia orizzontale della pietra bianca e nera

e quella verticale, soffice, lenta, mobile, della neve.

 

Mai, ai suoi occhi, mai mai mai, Siena  più bella.

 

Più bella del bellissimo.

 

C’è una bellezza che non teme rivali. Che non trema per gli anni.

Che non sbava. Non stinge. Non s’allenta. Non t’allarma.

C’è una bellezza che non fa male. Che non vuoi possedere. Perché ti possiede lei.

E basta.

(by poetella)

 

 

 

Borodin – String Quartet No. 2 In D Major Nocturne

 

 

 

 

 

.