(foto di poetella)

 

Te l’ho già detto, no?

Sei mappa argine confine

Sei sponda di lettino col paracolpi

Sei il dito nel buco della diga

 

Rimani.

 

Insegnami le preziosità dei segreti

La cornice del tumulto insegnami

– sigillami –

 

Insegnami i silenzi delle distanti armoniose galassie

E poi dimmi ancora, ancora Mi manchi

E guardami, guardami crollare

crollare di tutti i proponimenti

di tutte le parole

spezzettate sparpagliate gorgogliate

tracimate

e poi evaporate e poi disperse

oltre la ionosfera

su, oltre il nero più nero

del nero nero punticchiato di stelle. Ecco.

(by poetella)

 

 

Ascolta poetella

 

 

 

.

 

 

 

Annunci