(foto di poetella)
 
 
 
 
Ma come posso mai camminare
                                       oggi
solo camminare, con queste ali che
 
Guarda che splendore, m’hai detto,
lo sguardo sulle mie dune
come l’ombra della sera
azzurro. Guardati.
 
E io ti perderò. Ma non ti perderò
Ricordo di mare nella conchiglia,
                                     eterno
 
Non ti perderò e ti perderò
Sarai immobile grumo di malinconia
                                  – e sì che brilla –
incluso nell’ambra di queste ore
                                           dorate.
 
Chi può sapere, chi può sapere se l’aquila – larghe ali –
cielo libero
rimpianga mai il tepore del nido
 
e le sue tenere certezze
(by poetella)
 
 
 
 
 
.