Tag

, ,

(foto di poetella)

 

 

Il mattino, sotto specie di raggio obliquo dalla serranda non completamente sigillata, era venuto a svegliarla, nella solita casa, altra dal sogno della notte, altra dal sogno reale del pomeriggio scorso.

Aveva raccolto le ultime, quelle più buone, briciole d’immagini.

Messe bene in fila per poterle annusare durante il giorno.

 

Poi s’era persa a contare i fruscii che ricordava, i sussurri, gli ineffabili sfioramenti, il serrare e il rilasciare,  le cascatelle di sospiri, il rintoccare della testata del letto, e quell’ Anche io, occhi negli occhi, azzurro nel verde, fiume che si sperde nel mare,

quell’Anche io che brillava come il Koh-i-noor.

 

Infine, con uno scatto a gettar via la coperta, s’era alzata ed era tornata al fronte.

..

(by poetella)

 

 

Evgeny Kissin plays Scriabin Etude op.8 no.12.

 

 

.

Annunci