Tag

, , , ,

(foto dal web)

 

Ascolta poetella

 

 

Forse stiamo imparando

a mettere al giusto posto, a sapientemente orientare,

a catalogare con disciplina e protocollare, insomma ordinare bene tutte le minuscole pedine di questo domino infinito.

E se, saltuariamente, ce ne cade una, niente allarmismi. Si cerca e magari si raccoglie o si sostituisce. Placidi. Olimpici. Col sorriso degli dei.

Forse stiamo imparando

Ne riconosciamo la lieve, impercettibile diversità. A volte ne scorgiamo la chiarissima unicità.

Ma solo pedine. Pezzi da incastrare uno nell’altro. Nessuno di primaria importanza, ovviamente.

E tutti uniformemente importanti.

C’è forse una pedina più significativa, nel gioco? Una che sia chiave di volta?

La risposta più ovvia al quesito è Nessuna. O Tutte, meglio.

 

È il gioco che è insostituibile. Le mosse concatenate, quelle felici, rapide, facili, e quelle dell’ultimo momento, quando si credeva che.

 

 Stiamo sicuramente imparando

Il procedere, lo snodarsi delle svariate possibilità, l’incastro. L’illuminazione geniale.

 

È il gioco che è insostituibile. L’avanzare senza grossi intoppi, vigili, coscienziosi e solerti, di mossa in mossa, fino al traguardo.

Che poi, il traguardo,

non sarà altro che la fine del gioco. E amen!

(by poetella)

 

 

 

.