Tag

, ,

(foto di poetella)

 

 

Strano, l’ho sentita condensarsi, un vapore, no, goccioline minuscole.

Stillavano mentre camminavo, cadevano a terra con un leggero tintinnio, clic, clac, cic ciac, un canticchiare giocoso,

e da terra evaporavano. Su, fino al cielo.

Un cielo così azzurro, così azzurro e vasto che le ingoiava, nuvolette leggere, le inglobava, e le altre, nuvolone veloci, bianchissime, attorno. Nuvole madri.

 

Tant’è che a un certo momento ho dovuto rendermi conto che non c’erano  più. Né loro, né quello da cui erano nate.

Ero libera.

 

La mia tristezza se l’era presa il cielo.

Che poi, davvero, come si fa ad essere tristi, se si vede, lontano sui monti, contro l’azzurro,

la neve?

..

(by poetella guarita)

 

 

 

Monteverdi-Toccata Orfeo

 

 

 

.

Annunci