Immagine

(foto di poetella)

 

 

 

13/10/2010

 

 

Non ho mai imparato ad andare in bicicletta.
Neanche sui pattini.
Dice che è per via di Nettuno in Bilancia congiunto all’Ascendente. (comunque non ci giurerei).

Anche quando cammino oscillo.
Un dondolio ubriaco di pensieri e sogni.
L’altalena mi piace. Lasciarsi portare dal vento

da qualcosa che vive, oltre te.
Lasciare che il movimento dei giorni
imprima il suo ritmo. Tic tac, tic tac.
Sentirlo fluire in totale abbandono.
Questo.

Abbandono.

Tanto è inutile fare progetti.
I progetti sono per gente assennata,
produttiva.

Ancora a guardare il cielo.
Ha un progetto il cielo? (mai stata assennata. Produttiva poi, non so)

Fuori c’è vento, oggi.
La città sembra offesa. S’arruffa e sbraita.

Che giova?

Lascia fluire. Dai,
meglio, mi dico sempre.
E, in fondo, credo d’aver imparato a cogliere

foglie volanti

per rubare colori
e farmici  vestiti nuovi di zecca
ogni volta che arriva l’autunno.

O qualche altra stagione. Che importa, poi?

(by poetella…d’epoca…)

 

 

Sidney Bechet – petite fleur

 

.