Tag

il ponte

(foto di poetella)

.

.
Troppo stanca. Stanchissima. Il rumore ovunque. Schiamazzi. Vociare inutile. Movimento di masse. Onde concentriche. Oggetti volanti.
Basta.

Chiudere le orecchie. Impossibile.
Urla che si sovrappongono a urla. Girone infernale. Guerre, battaglie, attacchi e scontri.
Negazione dell’ascolto. Incomunicabilità. Aria viziata da viziati rapporti di forza.
Inutile cercare di coprire le voci con la voce.
Provare col silenzio. Chiudersi nel silenzio. Chiedere aiuto al silenzio.
A volte funziona. Per stupore. Per inquietante domanda: che succede?
Aspettare faccia effetto.
Un minuto. Due minuti. Immobile. Quattro. Ancora niente.
Poi, diminuzione impercettibile del rumore. Lievissimo abbassamento del rimbombo.
Soglia d’attenzione più alta. Piccoli gruppi che si fermano a guardare. Voci che suggeriscono il silenzio.
Sei minuti. Sette.
Altri gruppi che si quietano.
Immobilità e sguardi. Su tutto l’ondeggiare della bufera. Che si sta placando.

Ancora tre voci. Due. Una. E zitto! Non vedi che…
Tutti fermi. Tutti dietro i propri banchi.
In piedi. Zitti. Tutti.
Trattenere il silenzio. Sospensione. Sguardi. Un leggero colpo di tosse.
Silenzio. Una sedia che si sposta rumorosamente.
Silenzio.

Ora si può cominciare la lezione.
Tempo d’attesa: nove minuti.

Troppi.


(by poetella)

 

Lets Twist Again – Chubby Checker

 
.