Tag

.

Presso di me, oggi
stare in silenzio. Piccole faccende ago e filo
passi per casa solitari
lenti. Musica. Senza interferenze di voci di suoni
noiosi dibattiti conferenze
interviste al nulla.

Presso di me ascoltarmi e rispondermi
o ignorarmi e all’occorrenza guardare fuori
attraverso
verso il lontano verso il verso stridente del passero
in volo. In attesa. Oppure no.
Riposare.
Da me. Dal convulso. Insinuata nella bellezza
del vuoto. Dell’assenza
o momentanea vacanza
del dolore. Fortunatamente, inspiegabilmente evaporato.

Parrebbe. Ma non facciamoglielo sapere, dai.


(by poetella)

 

.

 

.