Tag

,

o sei…

ché oggi mi va così.

E niente foto.

E niente musica: Ecco.

IL SIGNORE ANDATO VIA

 

Era un signore andato via.

A lei qui rimasta tantissimo mancava.

La traccia da lui lasciata segnava ovunque

intorno a lei l’aria.

Come un quadro spostato

per sempre segna la parete.

 

LA SIGNORA DELL’ULTIMA VOLTA

 

L’ultima volta che la vide

non sapeva che era l’ultima volta che la vedeva.

Perché?

Perché queste cose non si sanno mai.

Allora non fu gentile quell’ultima volta?

Sì, ma non a sufficienza

per l’eternità.

 

 

IL SIGNORE NEL CUORE

 

Le era entrato nel cuore.

Passando dalla strada degli occhi e delle orecchie le era entrato nel cuore.

E lì cosa faceva?

Stava.

Abitava il suo cuore come una casa.

 

LETTERA DAL BALCONE

 

Ti scrivo dal balcone

dove resto ancora un poco questa sera

a guardare l’orto al sole di settembre

a mangiare pane e olio e foglie piccole di basilico

ti scrivo meno fiera di quello che vorresti

sono una donna forte sì

ma con anche continue tentazioni di non esserlo

di lasciarmi sciogliere d’amore al sole

e carezzarti e baciarti un po’ di più di quello che tu vuoi

ti scrivo dal balcone

guardando il fico pieno di frutti

e il pero con le foglie malate

ho qualche pensiero triste

e due o tre sereni.

 

IL SIGNORE D’ORO

Era un signore d’oro. Un signore d’oro fino, zecchino.
Per il suo carattere duttile e malleabile, per il suo caldo dorato
colore, per il luccichio dei suoi occhi, era un signore molto
ricercato.
I corsi dei fiumi venivano deviati, i fondali scandagliati e setacciati,
ma i signori che affioravano brillavano poco, erano signori
pallidi, opachi, non erano d’oro vero, erano signori falsi.
Non avevano aurifere vene?
No, le loro lente vene scorrevano quasi del tutto essiccate in
direzione dei loro minuscoli cuori, a fatica.
E dov’era il signore d’oro vero?
Lontano, in una casa assolata, pigro e paziente, aspettando di
essere trovato, in un angolino, il signore d’oro luccicava.

 

%%%%%%%%%%%%%%%%%

 

L’amore mio la prima volta che è un po’ distratto
me lo prendo e me lo porto via.

.

.

.