(foto di poetella)

…………………………………………………………….. le piccole gioie come

quel profumo improvviso che ti ricorda l’armadio di nonna, sempre ordinato,
quel profumo che stazionava attorno, riempiva gli angoli bui della grande casa, le stanze inesplorate, avvolte nel silenzio, riempiva i sogni di bambina, l’allegria composta del gatto. Ché tutto era composto nella casa.

…………………………………………………………… le piccole gioie come

uscire dallo studio del dottore e Lei ha le arterie e il cuore di una ragazzina signora mia
e avere davvero ancora il cuore di una ragazzina che si commuove e piange. Anche di gioia.

………………………………………… le piccole gioie, hai presente? come
durante la lezione in classe ascoltare da fuori della finestra improvviso il canto forsennato di uccellini invisibili, ostinati, vispi, gioiosi come fosse una festa di bambini piena di trombette, maschere, coriandoli

………………………………………………………. le piccole gioie, sai, come
scoprire che nello stesso giorno in cui eri particolarmente felice per questioni legate alla letteratura, alla poesia, alla bellezza tua sorella gemella lontana aveva pubblicato il suo quarto libro. Soddisfatta. Fiera. Felice.

……………………………… le piccole gioie, le deliziose piccole gioie come
accorgersi che la minuscola talea di plumbago fatta a ottobre aveva messo su delle piccole foglie verdi verdi nuove nuove.
Scoprire anche che la talea di consapevolezza, saggezza e serenità che qualcuno ti aveva fatto in cuore tanto tempo fa aveva ormai radicato e s’espandeva come un albero gigantesco


E ti faceva ombra


(by poetella)