(foto di poetella)
.
.
Come quando s’esce a giorno chiaro
dall'”orrido di un incubo

così sto, sorridendo
nella mia serenità di salice sul bordo del lago

oscillando – cantandomi un inno

(by poetella)