(foto di poetella)

.

…………………………………………………………. A volte, amore mio, quando la casa è silenziosa in uno dei primi caldi pomeriggi di maggio e i rintocchi della pendola scandiscono il tempo tra un cinguettio di passero, un lontano, ovattato suono di clacson e il verso scuro e sincopato dei piccioni sulla grondaia 

…………………………………………………….. a volte, ma davvero non sempre, credimi, non sempre, a volte voltando dolcemente le pagine del libro che sto leggendo come sfogliassi un album di ricordi dolci e lontani

……………………………………………………. a volte, amore mio, e t’assicuro che capita proprio raramente, quando un soffio di vento tiepido irrompe dalla finestra valicando il delicato muro di gerani rossi sfavillanti di trasparenze in controluce, allora mi sorprendo a ricordare il rosso fuoco dei tuoi baci lontani come l’inverno che comunque

tornerà. Lui, per lo meno.

(by poetella)