(foto di poetella)

.

.

Succede, a volte, di sentirci gonfi d’una allegra pace inspiegabile

[visto che fiori per strada?]

ammenoché non si spieghi con tutto il fatto e non fatto

coi risvegli mattinieri

col canto di qualche invisibile uccellino nel silenzio dell’alba

con quello che abbiamo riposto, quello che eliminato, quello che incartato nella memoria

ammenoché non si pensi che ce la facciamo ancora a fare e fare e fare

un’energia  quasi innaturale

 

che poi magari saranno i semi di chia nello yogurt al mattino

o magari sarà qualcos’altro.

 

anzi, sicuramente sarà quello.

 

(by poetella)