(foto di poetella)

.

Cosa ancora

dentro questa mia grande pace

questo niente d’ovatta

questa morbidezza di violoncello

un’aria tiepida  – profumo di te al gelsomino – il mio piccolo libro

tenuto aperto con la mano

[sogno segreto del primo mattino

quelli che si ricordano]

mentre con l’altra scrivo

.

cosa ancora manca

se manca

oltre a quello che sempre manca – questa mancanza dolce e piena,

mancanza  presenza tutta intorno e dentro

.

Ecco. Lo so

lo sappiamo.

Una piccola, morbidissima gatta accoccolata sulle gambe

sensuale dea della bellezza

addormentata

(by poetella)