prati-e-nuvole.jpg(foto di poetella)

.

 

Perché vedi, mio caro

è indubbio che io non viva per te. Io vivo

per, come diceva Gide, tutti i nutrimenti terrestri

certo

per la musica, questo preludio di Bach e tutti i preludi e tutti

i concerti e tutte le Barcarole e le suites e le sinfonie

anche quelle che fanno i miei fiori in balcone, ancora fiori a novembre

e per i voli e le capriole in cielo dei piccoli volatili che lo popolano

e le capriole delle nubi

e le capriole di parole su tutti i libri che amo e tutti quelli che amerò

e ancora non conosco e per i giorni sereni e quelli di pioggia

costellati di attese di Bellezza che c’è

lo so che c’è

e per il lavoro che faccio a casa o fuori, diligentemente,

con passione, con metodo

e anche per la passione che mi esplode dentro se penso a te

che, indubbiamente, sei una specie di sole che brilla

assieme all’altre stelle

nell’Universo tutto, musicante.

(by poetella)