nebbie 2.jpg(foto di poetella)

 

Senti qui. Sembrava un soldino d’argento quel sole, stamattina. Tutte le cose sotto un velo di sposa.

Le cose buone buone, tenui, le cose, silenziose. Fasciate d’oblio. Nascoste. Buone buone, riservate.

Cose garbate e dense. Suggeriscimi che tutto permane dietro il suo fiato bianco. Le case, i cedri, il cipresso, questo mio aspettare. 

Suggeriscimi che è solo vapore, un vezzo, un gioco a nascondersi. Un attimo di stasi nella grazia. 

Ha mani delicate, abbracci, questa nebbia. Ha tenerezze. Una coperta sulla pasta lievita teneramente in crescita. Crescita morbida questa mia voglia di te che mi si gonfia in petto. 

Nel calore, poi, sarà pane/sostanza/fragranza/nutrimento

Dammi calore. Sarò pane e tu bocca.

 

Sarai pane ed io bocca. Necessari. Non sprecheremo nulla.

(by poetella)