ho trovato questo brano nel blog di marta

lo trovo  di una musicalità commovente, direi struggente, su un testo intenso (ne ho letto la traduzione da marta, ché io la lingua di Sardegna, perché è una lingua, non un dialetto! non la capisco)

 

buon ascolto da poetella