.

.

chissà se, come dice Camus,

“non si aspetta più a forza di aspettare “*

No. Non credo abbia ragione.

Io aspetto. Serenamente, ma aspetto.

.

*La peste – pag 246. Decima riga