divino Gould

È proprio inutile stare a dirti quanto l’aria sia incolore, fuori o magari proprio bianca

come non si veda da questa mia postazione neanche uno spicchio di azzurro

e tu sai come amo l’azzurro

– mi perdo sempre in quel pozzo fondo dei tuoi occhi

tu sai come vorrei un po’ di colore attorno in questo abbaglio di giorno d’agosto che lascio fuori a sbollire la sua noia feroce

mentre mi lascio accarezzare dalle note del Preludio in do maggiore del Clavicembalo ben temperato di Bach

unica coccola che mi concedo

e non basta

lo sai che non basta.

(by poetella)