(foto di poetella)

Facilissimo sottrarsi. Sembrerebbe.

Sviare. Inventarsi argomentazioni convincenti (convincenti per chi? Per me no di certo)

Comunque facilissimo. Dicono. Guardare un po’ a destra, un po’ a sinistra. E in basso. Quello sicuramente imprescindibile. Evitare di cadere. Che mi viene sempre molto facile. Sarà l’età.

Sarà l’età che mi costruisce immagini deformate del reale?

Sarà il reale che a un certo punto si deforma? La forma. Conosco una forma perfetta.

Non in un quadro. Neanche in una musica. Lì ce n’è a bizzeffe.

No. Un’altra forma perfetta. È un po’ che non la guardo.

Sarà per questo che rimugino.

E cerco lo svicolamento. Ma il pensiero di te, amore mio, m’imprigiona. Non c’è fuga possibile.

Ma dove mai poi?

(by poetella)