E ancora si aspettava il giorno del raduno

degli angeli o delle nuvole

il giorno della conta delle stelle appena nate

e dei petali di trifoglio…

(tre, tre, tre, quattro!)

S’aspettava che il vento portasse novità (belle, si capisce)

che il mare si calmasse, una buona volta

e l’orizzonte divenisse piano

steso tranquillo

come una santa addormentata.

Ché il destino, si sapeva, era scritto in oro.

(by poetella)