(foto di poetella)

Eppure arriva sempre il mattino.

Le notti più lunghe

arrotolate attorno all’ombra

vuote di voci

fruscianti di sussurri indecifrabili

vuote di gocce di sole nascoste sotto i tappeti

dietro i quadri

dentro le caraffe di porcellana

le notti più nere che più nere, più nere non si può

nemmeno urlando, io lo so,

come fanno di solito tutte le cose,

prima o poi

finiscono

(by poetella)