(foto di poetella)

Ma che diavolo aspetto

cosa c’è mai da aspettare

cosa stare a spiare per cogliere piccoli segni

mutazioni di vento

rotazioni d’astri

cosa ascoltare con l’orecchio a terra.

Non c’è suono di tamburi lontani

nè zoccoli al galoppo.

Nessuna vibrazione

Immobile il suolo

immobile la speranza e l’aria

spente tutte le luci

e i sogni

(by poetella)