Questo si sa cos’è

Che poi, eh sì, che poi ho paura che tutta questa malinconia

tutto questo groviglio di dolore

tutto questo coltello che scava e svuota mi faccia ammalare.

(È già successo, ricordi?)

ho paura che il corpo decida che basta. Basta!

Facciamola finita!

E io non posso permetterglielo.

Ché c’ho da fare. C’ho da fare parecchio, ancora.

E allora mi ripeto Calma!

Calma che passa! Calma che tutto passa…

Me lo ripeto due, tre volte al giorno. No, due tre volte l’ora

(o al minuto?)

Sembra solo un minuto fa che ero felice.

Il tempo è una convenzione.

Ma pare non mi convenga.

Ferma. Devo stare ferma.

Immobile.

Come morta.

Devo aspettare passi l’onda

(by poetella)