(gli amanti- Giovanni Prini -1877-1958)

Ché se tu fossi qui, adesso

e mi posassi le mani sulle spalle

mentre scrivo

e mi soffiassi piano l’anima tra i capelli

e io potessi sentire il calore spandersi

dalle spalle al cuore

non avresti scampo

amato mio.

Un’anaconda non saprebbe stringerti di più

del mio amore feroce

(by poetella)