Tag

, , , ,

 

bambola.jpg

(foto dal web)

 

 

……………………. Niente, niente consolazione, da nessuna parte,  come quando da bambina la bambola Rossana rotta, gli occhi girati all’indietro come quelli di un morto, le braccia penzoloni la testa un po’ schiacciata, la faccia soddisfatta della sorella vendicativa, La tua bambola è una strega! E invece no, mica vero, era bella, tutta pettinata, col fiocco celeste in testa e i boccoletti biondi e il vestitino di organzino celeste e le scarpine di capretto bianche, e i guantini bianchi, tutta ordinata, tenuta con cura, con amore, mica come quella di sua sorella, brutta spettinata, con una scarpina persa chissà  dove, il vestitino con una gran macchia, sugo? cioccolata?gli elastici delle maniche a palloncino lenti, cadenti, molli, come molle era rimasta lei, attonita, incredula, attanagliata da un dolore incolmabile a vedere la sua bella Rossana scaraventata contro l’armadio a muro con forza,(com’era forte sua sorella, cattiva e forte. Lei no) sbrindellata per il gran colpo che

 

……………………. niente, niente consolazione, da nessuna parte, 

dove mai poteva andare a cercare consolazione davanti a quello scempio, davanti a quella fine tragica, a quelle spoglie mortali, Rossana mia bella, come farò senza di te!

 

……………………. niente, niente consolazione, da nessuna parte, 

 solo piangere, piangere così  forte che ancora si sente quel pianto, dopo sessant’anni, o è un altro pianto che sento?

 

forse…

 

(by poetella)